Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Imprese e ict: i principali risultati dell’indagine Istat


 

 

Dal 2001, annualmente, l’ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica) effettua la “Rilevazione italiana sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione” per la raccolta di informazioni sull’uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) nelle imprese con almeno 10 addetti, attive nell’industria e nei servizi non finanziari.

La rilevazione ICT è lo strumento che viene utilizzato dalla Commissione europea per misurare il progresso dell’economia digitale europea.

La rilevazione, infatti, è volta a misurare la diffusione e il grado di utilizzo delle tecnologie informatiche e della comunicazione (ad esempio Internet, banda larga, siti web), l'impatto delle nuove tecnologie nei rapporti con clienti, fornitori, il commercio elettronico.

Vengono inoltre approfondite altre tematiche come ad esempio l'utilizzo di social media, dei servizi di cloud computing, adozione di politiche di sicurezza informatica, l'analisi di big data, l'utilizzo di tecnologie rfid ecc…

Dalle ultime analisi condotte dall’ISTAT emerge che:

- Si stima che il 71,3% delle imprese con almeno 10 addetti disponga di un proprio sito web o pagine su Internet (70,7% nel 2015); quasi tre imprese su dieci     hanno sul sito un link al proprio profilo social mentre il 39,2% utilizza un social media (37,3% nel 2015). Solo il 15,6% utilizza più di uno strumento web 2.0.

- Le competenze digitali delle imprese con almeno 10 addetti sono piuttosto limitate. Infatti solo il 12,4% delle imprese oggetto d’analisi sceglie di svolgere le      funzioni ICT per lo più con addetti interni mentre il 61,9% ricorre a personale esterno.

- Il 9% delle imprese con almeno 10 addetti ha dichiarato di aver analizzato big data nel corso dell’anno precedente; il 7,9% attraverso personale interno all’impresa e il 2,9% ricorrendo a competenze esterne.

- Le piccole e medie imprese acquistano soprattutto servizi di cloud computing (posta elettronica, software per ufficio, archiviazione, hosting di database dell’impresa) di livello medio mentre una grande impresa su quattro utilizza servizi cloud di alta specializzazione.